Image
Image

"Ho viaggiato in molti paesi, continenti e luoghi sacri, ho attraversato alte montagne e silenziosi deserti, ho anche ascoltato insegnanti saggi e incontrato uomini agrifogli provenienti da culture diverse, ma la più grande bellezza l'ho trovata dentro di me ....

La meditazione mi ha portato lì, in quel luogo da dove non ho mai lasciato "

"Ho viaggiato in molti paesi, continenti e luoghi sacri, ho attraversato alte montagne e silenziosi deserti, ho anche ascoltato insegnanti saggi e incontrato uomini agrifogli provenienti da culture diverse, ma la più grande bellezza l'ho trovata dentro di me ....

La meditazione mi ha portato lì, in quel luogo da dove non ho mai lasciato "

BIOGRAFIA

Prashantam è nato in Portogallo nel 1949. Trascorre la sua infanzia sull'oceano in un piccolo villaggio di pescatori.

Uscì di casa molto presto, entrò nella Sorbona (Parigi) presso la Facoltà di Medicina e completò con successo.

Sentendo che l'educazione di una persona non termina con la formazione specialistica, partì per viaggiare nei paesi dell'Est e dell'Asia, incontrando un sacco di persone straordinarie sulla sua strada, molti dei quali influenzarono ciò che era diventato Prashantam oggi.

Ma due grandi maestri, che hanno avuto un'influenza incredibile e decisiva, occupano un posto speciale completamente separato nella sua vita.

koku 1"God on Earth" Prashantam chiama Koku Nishimura, un maestro zen giapponese che guidava la setta Tani-Ha, Prashantam lo incontrò nel 1973.

osho1"God in Heaven" chiama il maestro illuminato OSHO, che lo ha incontrato nel 1976, Prashantam decide di rimanere nel comune di OSHO a Pune.

Durante il suo soggiorno in Giappone, ha studiato massaggio shiatsu presso la scuola Tokuhiro Namikoshi. Più tardi sviluppò la sua conoscenza, basata sulla sua vasta esperienza, nel 1982 completò gli studi presso la scuola di massaggi di Heartwood in California, e nel 1986, quando tornò in India, creò il suo metodo di guarigione, che in seguito divenne noto come "Osho Art of Divine" Guarigione".

Tornato a Pune, Osho affidò a Prashantam la conduzione di gruppi di meditazione e crescita spirituale, ritirò KIO: OSHO ZEN, e insegnò lo shiatsu.

Presto ha continuato il suo viaggio intorno al mondo: ha vissuto con gli aborigeni in Australia e nelle Filippine, con sciamani in Brasile, Ande e medici tibetani nel Sikkim.

Da allora, per più di 40 anni, ha portato le sue conoscenze, la sua comprensione della vita, il risultato di una lunga e profonda ricerca spirituale, l'esperienza accumulata della meditazione per le persone in molti paesi: Russia, Giappone, Cina, Australia, Nuova Zelanda, Sud America e Europa.

Nel 2001, ha fondato la Osho Divine Healing Arts School (O.D.H.A.), riconosciuta dalla British Association for Complementary Medicine - BCMA.

Durante l'esistenza della scuola, centinaia di studenti hanno ricevuto una formazione e hanno ricevuto una specialità, ora insegnando loro stessi un metodo unico di guarigione.

Ecco come accade il più prezioso: l'importante, necessaria cosa per le persone cresce e si sviluppa, attrae nuova forza, acquisisce un nuovo respiro.

Alcuni anni fa, Prashantam è tornato in patria, in Portogallo.

È pieno di energia e si dedica ancora fedelmente al servizio delle persone, alla conduzione di gruppi e corsi di formazione, continuando ad insegnare metodi di guarigione, unendo questi diversi tipi di lavoro spirituale nella sua nuova scuola olistica "I.T.S. La mia vita."

Un nome piuttosto simbolico per chi, come Prashantam, vive una vita piena, sincera e appassionata: "Questa è la mia vita"!

SUI MASTER

QUELLA GUIDA LA MIA VITA


I molti posti che ho visitato in questo pianeta hanno reso possibile incontrare esseri indimenticabili che, con le loro uniche modalità, mi hanno ispirato a essere ciò che sono oggi.

Ma riconosco che è stato un dono straordinario dall'esistenza che ho incontrato e vissuto con "DIO sulla TERRA" e "DIO NEL CIELO". Entrambi questi due incredibili Maestri sono deceduti anni fa, ma la loro presenza continua ad essere molto viva nella mia vita.

KOKU SENSEI

Image

KOKU Sensei, come era noto, era la persona più creativa e abile che abbia mai incontrato. Mi ha mostrato il modo di vivere dedicato alla totalità e alla disciplina interiore, combinato con la bellezza, l'amore e la cura gentile di tutti gli esseri viventi.

Non era solo uno ZEN MASTER negli antichi modi dello spiritismo giapponese, ma anche molto di più.

Коку Нишимура Прашантам
Image

Ha suonato e insegnato il tradizionale flauto di bambù, KYOTAKU (o Nagai-Shakuachi) come nessun'altra persona del suo tempo. Ha raccolto, preparato i bambù e realizzato più di 2.500 flauti utilizzati dagli studenti di tutto il mondo. Ognuno di questi flauti era di per sé un capolavoro di maestria e di eccellenza musicale.

Si è definito uno scultore e così le sue sculture, le piantine e altri pezzi artistici sono esposti nei musei di Cina e Giappone. La quantità di tali chef-d'oe è di centinaia.

Aveva il più alto grado come Maestro di Karate e la sua collezione privata di Bonsai e alberi in miniatura, che lui allattava e molti partivano da semi, riempivano la maggior parte del suo giardino di casa in legno.

Si è preso cura della sua famiglia e ha cresciuto i suoi 3 figli innamorati e con devozione e il modo affettuoso in cui si relazionava con sua moglie ha sempre toccato il mio cuore. E da giovane, per oltre 12 anni, era un KOMUSO (monaco errante, un'antica e rara tradizione giapponese che oggi è quasi estinta) che cammina e suona il flauto, in tutto il Giappone.

Soprattutto era un uomo di gioia e amore. Stare vicino a lui ha creato per me un'immediata qualità del silenzio e apprezzamento per gli alti valori della vita. Ed era anche qualcuno a ridere e bere una tazza di tè insieme, oa camminare attraverso una foresta di bambù, e risuonare con la bellezza di un sole nascente sul vulcano vicino a casa sua.

Коку Нишимура Прашантам

Prima di incontrare KOKU Sensei ero un giovane che cercava nell'oscurità dei sogni e delle dipendenze materiali. Koku Sensei ha dimostrato che c'è una vita di bellezza dentro di me e mi ha mostrato le chiavi della saggezza che mi hanno messo sulla strada giusta. E 'stato come essere preso per mano di "Dio sulla Terra" per il mio unico percorso.

Quindi, naturalmente, ha preparato e aperto la strada per incontrare "DIO NEL CIELO".

Prima di incontrare OSHO, nel suo ashram a PUNE / INDIA, non avevo ancora capito cosa fosse un Master of Masters.

OSHO

Image

Era un uomo che sembrava galleggiare invece di camminare ... più leggero dell'aria che lo circondava. Qualcuno che irradiava energia dove sembrava che nulla di ciò che faceva o diceva fosse frutto di uno sforzo. Mi ha fatto sentire come se un essere umano potesse essere fatto di cristallo con un corpo sensuale come una rosa.

E questa è stata l'impressione dalla prima volta che l'ho visto ... molto più seguito.

La mia scelta di vivere nel Suo comune, quindi di interrompere tutti i miei viaggi nel mondo, e di concentrarmi sulla pratica delle tecniche di meditazione che OSHO ha creato, insieme con il modo di vivere meditativo che ha ispirato, mi ha portato a una comprensione molto più profonda del potere e dei benefici dei suoi insegnamenti.

Image
Image

La mia coscienza si allarga a una tale dimensione di chiarezza e amore che le parole mi sembrano povere per esprimerlo.

È un'esperienza esistenziale che si vuole continuare a nutrire e da cui nessun altro valore sembra essere più rilevante.

OSHO è un "Master of Masters", come è successo nella storia dell'umanità, ma un evento così profondo, capace di toccare milioni di persone, è accaduto molto raramente ... Un BUDDHA è successo, è successo un GESÙ, è successo un MAHOMET .... e altri, tutto è successo una volta ... molto tempo fa!

OSHO sta arrivando! Un essere umano, come te e me, che è benedetto da un'immensa fonte di amore ed energia cosmica, che la SUA presenza su questa Terra sarà sentita per molto, molto tempo dopo la morte del suo corpo.

Ciò che mi fa dire che OSHO è un Master of Masters, e assolutamente vivo oggi, anche se ho visto il suo corpo essere cremato anni fa, è questo oltre all'eredità delle sue centinaia di libri e video in cui puoi trovare le perle della Sua saggezza o il risveglio che trarrai in modo sicuro dalla pratica delle sue tecniche di meditazione, Egli ci sta dando molto di più attraverso i canali di comprensione e lunghezza d'onda della coscienza che Egli ha espresso e sono disponibili a chiunque, al di là di qualsiasi dogma o valore culturale.

Tale risveglio creerà un amorevole mondo collettivo e soprattutto libererà ogni individuo per realizzare il proprio scopo esistenziale.

Questa qualità della vita, suggerisce Osho, è disponibile attraverso la meditazione, un modo scientifico e intelligente che porterà ognuno alla propria identità unica.

Ogni Maestro parla in modo simile. OSHO va oltre nel fornirci gli strumenti per integrare tale comprensione. La sua presenza mostra anche che possiamo andare oltre la comprensione oltre che essere tale comprensione (integrazione) ... ed essere entrambi, uno: è!

Quando ho detto sopra, che ho incontrato "DIO NEL CIELO", OSHO è un tale uomo. Una che ha raggiunto il cielo e da quella fonte universale di saggezza ci guida, come vive oggi come non mai, in quel luogo beato dentro noi stessi dove gli oceani e il cielo si incontrano.

Image

KYOTAKU

"Kyotaku è uno strumento attraverso il quale trovo l'armonia interiore.

È un meraviglioso retaggio della mia esperienza meditativa dopo Koku Sensei, in Giappone, negli anni '70.

Praticare il respiro attraverso il Kyotaku mi dà l'opportunità di vivere l'estasi in uno spazio di libertà, creatività e pace.

Il mio suono, che è sempre nuovo e rigenerato, esprime la mia emotività, la mia armonia, il mio essere più profondo, tutto d'un fiato."

Немного истории


Великий мастер Дзэн Фуке, который жил в Китае в VII веке, был владельцем деревянного колокола, покрытого металлом, который он использовал для медитации. Один из его учеников, Чохаку, сделал первую бамбуковую флейту, чтобы подражать звуку колокола Фуке. Слово «кётаку» означает «колокола, которые делают ум пустым».


     Примерно в 1200 году бамбуковая флейта появилась в Японии вместе с сектой Фуке. Флейта стала популярной, особенно размер 1.8 шакухати. На Шакухати часто играли с другими инструментами, и для этих инструментов была создана специальная музыка. Шакухати в конечном итоге стала настолько популярна, что этим именен было принято называть все бамбуковые флейты.

Когда сёгун-эпоха подошла к концу в 1868 году, шакухати начали меняться. Они больше стали походить на флейты западного мира. Инструмент шакухати стал более гладким и более симметричным внутри, и теперь его можно было разобрать. Эти события в структуре инструмента повлияли на то, как играла флейта. Становилось все труднее находить оригинальные флейты кётаку. Чтобы получить желаемый звук при игре на оригинальной кётаку флейте в нее скорее дышат, чем дуют.

Сегодня только бамбуковые флейты, сделанные Коку Нишимурой, можно назвать «кётаку». Каждый кётаку, сделанный мастером, получает свою специальную печать подлинности.

Image

LETTERA DI LHASA


La lettera di Prashantam agli amici dopo aver scalato la sacra montagna Kailas
Lhasa, maggio 2005


 

Caro amico, cara amica
Amore,

ti sto scrivendo questa lettera da LHASA, in TIBET, dove sono giunto dopo un viaggio di tre settimane attraverso e attorno il Lago Mansarovara e il Monte Kailash, nella parte più a est del Tibet. Questo viaggio iniziò nel mio cuore e nella mia mente più di 25 anni fa, quando sentivo parlare OSHO di questi posti e del ruolo mistico che hanno nel cuore di milioni di ricercatori.

Col passare degli anni non ho mai smesso di desiderare di fare un viaggio da queste parti - scoprendo nel frattempo ancora più cose riguardo al mistero ed al misticismo del Monte Kailash - e rendendomi conto che mi stavo preparando per un tipo di viaggio molto diverso da quelli che avevo fatto attorno al mondo finora. E mi ha colpito ancora di più quando circa due anni fa, iniziai a fare i piani e scegliere il periodo dell'anno per mettermi in viaggio verso questa veramente remota parte del nostro pianeta.

Non era più lungo di un viaggio avventuroso, ma piuttosto un pellegrinaggio, una spiritual quest (richiesta spirituale), un unico investimento di tutte le mie risorse e una esperienza che richiedeva molto più delle mie possibilità materiali e fisiche. Era come un viaggio verso il Maestro, dove andavo ad affrontare tutte le parti conosciute e nascoste di me stesso. Era come se tutte le meditazioni che avevo fatto fossero messe insieme in UNA, era veramente un viaggio per morire e rinascere. L' ultimo pellegrinaggio.

Sebbene potessi sentire questo in me, come se mi avesse benedetto il giusto spirito, ero così lontano dal sapere come in modo così profondo e totale mi avrebbe toccato. E mi sto riferendo alle enormi difficoltà fisiche che ho dovuto attraversare. E' stato duro, difficile, in-umano... tante volte ho desiderato smettere e solo la sorprendente presenza del KANG REMPOCHE (come viene chiamato dai Tibetani il Monte Kailash) ha dato sostegno al mio viaggio e ridato a me l'energia per perseverare. Ci sono stati momenti così duri, che avrei voluto rivolgermi alla montagna e sussurrargli: "per favore, lasciami giungere alla fine... e poi potrò morire!"

I venti erano come lame sul mio viso, e il freddo! Impossibile toglierselo di dosso, la neve copriva il solo sentiero esistente (così dicevano loro, perché io non mai visto alcun sentiero) ed in quelle condizioni la mia vita intera passava e ripassava di fronte ai miei occhi/pensieri. Mi sono sentito piccolo, insignificante, matto, per aver messo me stesso in questa così orrenda sfida/meditazione, mi sono sentito perso, lontano da tutto e tutti. Ho pianto per il dolore e la disperazione.

Il corpo era totalmente fuori controllo a causa dell' elevata altitudine e io non sapevo come far fronte ai bisogni biologici più basilari. E per tutto il tempo il mio solo riferimento, il mio saggio e la mia guida, è stata la Montagna Sacra. La sua presenza, risonanza e amore, erano così imponenti e chiari che mi sono sentito nelle Sue mani.

È successo poi che in una di queste notti, dove il dormire era solo un desiderio, il mio corpo, tutte le sue cellule e funzioni, erano in uno stato di delirio, quando senza alcun avviso sono venuto fuori da tutti i dolori e sacrifici. C'ero io risplendente di una luce di beatitudine, ero felice.

Ma veramente TANTO FELICE. E per molte ore, forse l'intera notte, ho pianto di GIOIA e GRATITUDINE.

All'inizio era una GRATITUDINE senza oggetto, senza destinazione. Semplicemente una voglia di dire GRAZIE - THANK YOU - ma poi lentamente ha preso forme e faccie: gratitudine verso i miei tre compagni di viaggio (ORAZIO dall'Italia, AYDIN dalla Turchia e MEGHA-san dal Giappone) che anche essi stavano attraversando i loro inferni e paradisi, gratitudine verso i miei maestri Koku sensei e OSHO, e così via. Poi è diventato un po' più focalizzato verso tutti i miei amici e amanti, uno per uno sono passati di fronte ai miei occhi/pensieri, e così lì c'eri anche TU.

In quel momento ti ho tenuto così stretto, nella Gratitudine per tutto l'Amore e l'Amicizia che mi hai dato in questa vita, che come te lo scrivo ora, giorni sembrano passati anni, ma io non posso ancora trattenere le mie lacrime e i sentimenti d'amore.

Poi Kang Rimpo che mi ha indicato di sbrigarmi a venirti a dire tutto ciò, e dirti di nuovo, mio amico, GRAZIE - THANK YOU perché mi hai amato, è stata la benedizione e il nutrimento per il mio cuore e la mia anima.

Il penultimo giorno dal completamento del pellegrinaggio attorno al Monte Kailash (il KORA o PARIKRAMA), dove c'è un valico da attraversare molto alto - il DROLMA-LA - a circa 5.700 metri, è stato come l'ultima sfida, o la beatitudine estrema. Scavando un piccolo "chi",se tu ci fossi stato in quel momento! Ho steso ai venti perenni una lunga fila di bandiere di preghiera di buon augurio alla Scuola O.D.H.A. e ai suoi iscritti, ho suonato qualche nota con il mio flauto giapponese (Kyotaku) mentre Megha-san lanciava ai venti parte delle ceneri di KOKU sensei e poi ho steso un'altra lunga fila di Bandiere di Preghiera per tutti i miei amici e per il vostro stare bene e
autorealizzazione.

In quel momento ho guardato la Montagna Sacra e ho visto LEI, sorridere!

La mia meditazione era completa.

Discendere dal DROLMA-LA richiede così tante ore ed è così difficile, come se avessi dovuto scalarne la cima e durante la discesa ho avuto così tanto tempo per guardare verso tutto ciò che era accaduto nei giorni passati. È stato un profondo insegnamento a riguardo del SOFFRIRE (tutto creato da noi stessi) e della AUTO-IMPORTANZA (tutta illusione) e dentro, ho sentito una leggerezza che avevo conosciuto solo grazie nell'ascoltare OSHO che ne parlava. Con le mie parole, il meglio che posso esprimere è come se c'era un "IO-PLUS" che ora risulta dissolto ed ha lasciato semplicemente l' "IO".

Guardo così tanto in avanti al ritorno alla ordinarietà della mia creatività e della mia vita normale perché sto scendendo dalle montagne con un desiderio tremendo di giocare di più, amarti più "liberamente", apprezzarti di più e non mancare quei momenti dove tu hai bisogno che ti senta, e che possa ascoltare i tuoi bisogni e i tuoi percorsi. Il mio corpo difficilmente può reggersi da sé senza sforzo, comunque dentro mi sento fresco e leggero!

Ho bisogno anche di chiederti per la tua comprensione che questa lettera non avrà alcun seguito, e che io avrò bisogno di un po' di tempo per digerire l'incredibile " rullo compressore" che ho vissuto in queste settimane trascorse. Avrei difficoltà a parlarne o a rispondere ai bisogni di tuoi commenti o domande. Il tempo che hai regalato a TE e a ME leggendo tutto ciò è il riconoscimento di come la nostra vita è così speciale e di come tu vali così tanto per me.

prashantam big2

Possa tutto ciò portarti in pace, amato e danzante

OM MANI PADME HUM

Prashantam


La lettera di Prashantam agli amici dopo aver scalato la sacra montagna Kailas
Lhasa, maggio 2005


 

Caro amico, cara amica
Amore,

ti sto scrivendo questa lettera da LHASA, in TIBET, dove sono giunto dopo un viaggio di tre settimane attraverso e attorno il Lago Mansarovara e il Monte Kailash, nella parte più a est del Tibet. Questo viaggio iniziò nel mio cuore e nella mia mente più di 25 anni fa, quando sentivo parlare OSHO di questi posti e del ruolo mistico che hanno nel cuore di milioni di ricercatori.

Col passare degli anni non ho mai smesso di desiderare di fare un viaggio da queste parti - scoprendo nel frattempo ancora più cose riguardo al mistero ed al misticismo del Monte Kailash - e rendendomi conto che mi stavo preparando per un tipo di viaggio molto diverso da quelli che avevo fatto attorno al mondo finora. E mi ha colpito ancora di più quando circa due anni fa, iniziai a fare i piani e scegliere il periodo dell'anno per mettermi in viaggio verso questa veramente remota parte del nostro pianeta.

Non era più lungo di un viaggio avventuroso, ma piuttosto un pellegrinaggio, una spiritual quest (richiesta spirituale), un unico investimento di tutte le mie risorse e una esperienza che richiedeva molto più delle mie possibilità materiali e fisiche. Era come un viaggio verso il Maestro, dove andavo ad affrontare tutte le parti conosciute e nascoste di me stesso. Era come se tutte le meditazioni che avevo fatto fossero messe insieme in UNA, era veramente un viaggio per morire e rinascere. L' ultimo pellegrinaggio.

Sebbene potessi sentire questo in me, come se mi avesse benedetto il giusto spirito, ero così lontano dal sapere come in modo così profondo e totale mi avrebbe toccato. E mi sto riferendo alle enormi difficoltà fisiche che ho dovuto attraversare. E' stato duro, difficile, in-umano... tante volte ho desiderato smettere e solo la sorprendente presenza del KANG REMPOCHE (come viene chiamato dai Tibetani il Monte Kailash) ha dato sostegno al mio viaggio e ridato a me l'energia per perseverare. Ci sono stati momenti così duri, che avrei voluto rivolgermi alla montagna e sussurrargli: "per favore, lasciami giungere alla fine... e poi potrò morire!"

I venti erano come lame sul mio viso, e il freddo! Impossibile toglierselo di dosso, la neve copriva il solo sentiero esistente (così dicevano loro, perché io non mai visto alcun sentiero) ed in quelle condizioni la mia vita intera passava e ripassava di fronte ai miei occhi/pensieri. Mi sono sentito piccolo, insignificante, matto, per aver messo me stesso in questa così orrenda sfida/meditazione, mi sono sentito perso, lontano da tutto e tutti. Ho pianto per il dolore e la disperazione.

Il corpo era totalmente fuori controllo a causa dell' elevata altitudine e io non sapevo come far fronte ai bisogni biologici più basilari. E per tutto il tempo il mio solo riferimento, il mio saggio e la mia guida, è stata la Montagna Sacra. La sua presenza, risonanza e amore, erano così imponenti e chiari che mi sono sentito nelle Sue mani.

È successo poi che in una di queste notti, dove il dormire era solo un desiderio, il mio corpo, tutte le sue cellule e funzioni, erano in uno stato di delirio, quando senza alcun avviso sono venuto fuori da tutti i dolori e sacrifici. C'ero io risplendente di una luce di beatitudine, ero felice.

Ma veramente TANTO FELICE. E per molte ore, forse l'intera notte, ho pianto di GIOIA e GRATITUDINE.

All'inizio era una GRATITUDINE senza oggetto, senza destinazione. Semplicemente una voglia di dire GRAZIE - THANK YOU - ma poi lentamente ha preso forme e faccie: gratitudine verso i miei tre compagni di viaggio (ORAZIO dall'Italia, AYDIN dalla Turchia e MEGHA-san dal Giappone) che anche essi stavano attraversando i loro inferni e paradisi, gratitudine verso i miei maestri Koku sensei e OSHO, e così via. Poi è diventato un po' più focalizzato verso tutti i miei amici e amanti, uno per uno sono passati di fronte ai miei occhi/pensieri, e così lì c'eri anche TU.

In quel momento ti ho tenuto così stretto, nella Gratitudine per tutto l'Amore e l'Amicizia che mi hai dato in questa vita, che come te lo scrivo ora, giorni sembrano passati anni, ma io non posso ancora trattenere le mie lacrime e i sentimenti d'amore.

Poi Kang Rimpo che mi ha indicato di sbrigarmi a venirti a dire tutto ciò, e dirti di nuovo, mio amico, GRAZIE - THANK YOU perché mi hai amato, è stata la benedizione e il nutrimento per il mio cuore e la mia anima.

Il penultimo giorno dal completamento del pellegrinaggio attorno al Monte Kailash (il KORA o PARIKRAMA), dove c'è un valico da attraversare molto alto - il DROLMA-LA - a circa 5.700 metri, è stato come l'ultima sfida, o la beatitudine estrema. Scavando un piccolo "chi",se tu ci fossi stato in quel momento! Ho steso ai venti perenni una lunga fila di bandiere di preghiera di buon augurio alla Scuola O.D.H.A. e ai suoi iscritti, ho suonato qualche nota con il mio flauto giapponese (Kyotaku) mentre Megha-san lanciava ai venti parte delle ceneri di KOKU sensei e poi ho steso un'altra lunga fila di Bandiere di Preghiera per tutti i miei amici e per il vostro stare bene e
autorealizzazione.

In quel momento ho guardato la Montagna Sacra e ho visto LEI, sorridere!

La mia meditazione era completa.

Discendere dal DROLMA-LA richiede così tante ore ed è così difficile, come se avessi dovuto scalarne la cima e durante la discesa ho avuto così tanto tempo per guardare verso tutto ciò che era accaduto nei giorni passati. È stato un profondo insegnamento a riguardo del SOFFRIRE (tutto creato da noi stessi) e della AUTO-IMPORTANZA (tutta illusione) e dentro, ho sentito una leggerezza che avevo conosciuto solo grazie nell'ascoltare OSHO che ne parlava. Con le mie parole, il meglio che posso esprimere è come se c'era un "IO-PLUS" che ora risulta dissolto ed ha lasciato semplicemente l' "IO".

Guardo così tanto in avanti al ritorno alla ordinarietà della mia creatività e della mia vita normale perché sto scendendo dalle montagne con un desiderio tremendo di giocare di più, amarti più "liberamente", apprezzarti di più e non mancare quei momenti dove tu hai bisogno che ti senta, e che possa ascoltare i tuoi bisogni e i tuoi percorsi. Il mio corpo difficilmente può reggersi da sé senza sforzo, comunque dentro mi sento fresco e leggero!

Ho bisogno anche di chiederti per la tua comprensione che questa lettera non avrà alcun seguito, e che io avrò bisogno di un po' di tempo per digerire l'incredibile " rullo compressore" che ho vissuto in queste settimane trascorse. Avrei difficoltà a parlarne o a rispondere ai bisogni di tuoi commenti o domande. Il tempo che hai regalato a TE e a ME leggendo tutto ciò è il riconoscimento di come la nostra vita è così speciale e di come tu vali così tanto per me.

prashantam big2

Possa tutto ciò portarti in pace, amato e danzante

OM MANI PADME HUM

Prashantam

HELIX_NO_MODULE_OFFCANVAS